Un bambino con la sindrome di Down ottiene un grosso contratto come modello dopo che un certo numero di agenzie lo rifiuta

Quando un certo numero di agenzie di modelle per bambini si sono rifiutate di lavorare con Asher Nash, sua madre sinceramente non riusciva a capirne le ragioni.

Sì, il bambino aveva la sindrome di Down, ma era un ragazzo intelligente, affascinante ed emotivo. Cioè, aveva tutte le qualità necessarie.

La madre ha sfogato le sue frustrazioni sui social media.

E presto, con suo grande stupore, i rappresentanti di un noto marchio di abbigliamento per bambini l’hanno contattata e hanno offerto ad Asher un contratto.

Non c’è niente da stupirsi, Meghan aveva inviato le foto del piccolo Asher a diverse agenzie di modelle.

Meghan è rimasta sorpresa e sconvolta quando ha iniziato a ricevere un rifiuto dopo l’altro dalle agenzie.

Le agenzie, come si è scoperto, invitano i bambini con bisogni speciali solo a girare annunci pubblicitari di beni e servizi per tali bambini.

Non c’era posto per i bambini con bisogni speciali nella pubblicità tradizionale o nei media. E Megan ha deciso di cambiarlo.

Lei ha creato una pagina Facebook, dove ha iniziato a pubblicare le foto di Asher, attirando l’attenzione dei lettori sulla violazione dei diritti dei bambini “speciali”.

Inoltre, Meghan ha contattato il principale marchio internazionale di abbigliamento per bambini OshKosh B’gosh, suggerendo ad Asher di fare da modello.

La lettera aperta di Meghan Nash ha subito fatto il giro del mondo. E presto i rappresentanti di OshKosh B’gosh si sono messi in contatto con lei.

“La nostra azienda Le ringrazia per gli sforzi che offre per garantire la presenza di bambini con bisogni speciali nella pubblicità”, si legge nella lettera.

“Noi, da parte nostra, intendiamo garantire la partecipazione di tali bambini alle nostre campagne pubblicitarie in futuro”.

Le parole del rappresentante dell’azienda non sono rimaste solo parole.

Hanno offerto ad Asher un contratto per partecipare alla prossima campagna pubblicitaria di OshKosh B’gosh.

Secondo Meghan, non avrebbe affatto fatto di suo figlio un top modello. Voleva solo che crescesse in un mondo in cui avrebbe avuto il suo posto accanto al resto della gente.

“Voglio solo che sia visto come una persona, non come portatore di una diagnosi”.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Un bambino con la sindrome di Down ottiene un grosso contratto come modello dopo che un certo numero di agenzie lo rifiuta
La figlia premurosa ha fatto un regalo ai suoi genitori: dopo la perdita i coniugi non hanno potuto trattenere le lacrime