“Dio mi ha detto che se adottassimo Scarlet, lui la guarirebbe”: Dio benedice i bambini disabili con una famiglia amorevole

Ci sono verità difficili da affrontare nella vita.

Una di esse è che molte persone nel mondo vivono nella disperazione, nella sofferenza e nell’oscurità, funzionando solo in modalità sopravvivenza.

La Fondazione Tim Tebow (FTT) si impegna a essere una fonte di supporto per queste milioni di persone considerate le più vulnerabili.

Oggi vorremmo condividere con voi la storia di Joan e Loren Olsen, le cui vite sono cambiate in meglio grazie a una piccola ragazza chiamata Scarlet.

Molti anni fa, degli amici della coppia hanno insistito affinché visitassero Back2Back Ministries a Mazatlán, in Messico.

Questa organizzazione no-profit è un partner della Fondazione TT e si occupa dell’accoglienza degli orfani. Joan e Loren incontrano Scarlet Per un po’, Joan e Loren hanno declinato queste offerte.

Il rifugio era destinato a bambini disabili e non si sentivano pronti per il compito in quel momento. Alla fine, gli amici gli hanno parlato di una bambina chiamata Scarlet.

Per qualche motivo, pensavano che Joan e Loren dovessero incontrarla. Ma quando la coppia ha appreso che probabilmente non avrebbe vissuto a lungo, l’idea di incontrarla è diventata ancora più delicata.

Tuttavia, hanno finito per incontrarla, e sembra che abbia fatto un’impressione duratura su Loren fin dall’inizio. Appena Scarlet è stata messa tra le braccia di Loren, ha cominciato ad avere una crisi.

Lui ha continuato a tenerla, facendo tutto il necessario per aiutarla. Questo ha commosso Joan. Una volta tornati a casa, Loren non smetteva di pensare a Scarlet.

Alla fine, ha chiesto a Joan di adottarla, ma lei non si sentiva pronta ad assumersi questa responsabilità né ad accettare i cambiamenti che ciò avrebbe comportato nella loro vita.

Avevano figli adulti e nipoti, ed erano già in pensione. Adottare una bambina disabile non rientrava nei loro piani. Ma alcune delle cose migliori della vita sono quelle che non possono essere pianificate.

Questo è rapidamente ciò che Loren e Joan hanno imparato. Ovunque andassero, comparivano segnali che gli dicevano di adottare Scarlet.

Alla fine, le parole di Loren hanno aiutato a convincere Joan che era ciò che dovevano fare.

Un atto di fede “Ho detto: ‘Dio mi ha detto che se adottassimo Scarlet, lui la guarirebbe’”, ricorda Loren.

Questa decisione ha veramente cambiato la loro vita. La coppia ha dovuto trasferirsi a tempo pieno a Mazatlán, allontanandosi dai loro figli adulti e nipoti.

Tuttavia, non potrebbero essere più felici della loro decisione, notando che tutte le complicazioni non hanno nulla a che fare con Scarlet.

“Tutto ciò che accade con Scarlet non è difficile – la cosa più difficile è non essere con la nostra famiglia”, ha dichiarato Joan.

Ciò che ha anche aiutato è il modo in cui Scarlet porta tanta gioia nella loro vita. Non sorprende che il suo nome completo sia ora ufficialmente Scarlet Joy Olsen.

Auguriamo un futuro gioioso a questa coppia di pensionati e a questa bambina disabile!

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

“Dio mi ha detto che se adottassimo Scarlet, lui la guarirebbe”: Dio benedice i bambini disabili con una famiglia amorevole
Julia Roberts è così bella e affascinante che dimostra 25 anni a 52: ha pubblicato foto sulla spiaggia