Un bambino prematuro diventa un prodigio a 3 anni, entrando a far parte di Mensa dopo aver risposto a tutte le domande

Oltre tre anni fa, Lawson Lundberg è nato prematuramente in un ospedale di Portland, Oregon.

Dopo diverse settimane trascorse in terapia intensiva neonatale, i medici si aspettavano che il bambino presentasse significativi ritardi nello sviluppo cognitivo.

Nonostante non avesse sentito più di due parole nei primi due anni di vita, Sara, la madre di Lawson, ha assistito a un improvviso cambiamento.

“Sembrava aver fatto progressi, imparando le forme senza che noi dovessimo insegnarle, imparando parole che non ricordiamo nemmeno di aver pronunciato al suo cospetto.

All’inizio dell’anno, durante la tempesta di ghiaccio, siamo rimasti senza elettricità per alcuni giorni e in quel periodo ha imparato i nomi dei paesi e delle loro capitali.

È stato in quel momento che abbiamo capito che aveva imparato la fonetica da solo, il che ci ha sbalordito.”

Oggi, a tre anni, Lawson conosce tutte le bandiere, i paesi e le capitali del mondo. Mentre gli altri bambini imparavano a camminare, Lawson nominava i 50 stati e i 195 paesi!

Il suo vocabolario continua a crescere e il suo interesse per l’apprendimento è unico, tanto che i suoi genitori hanno fatto testare il suo QI da professionisti.

Ha ottenuto un punteggio di 151. A titolo di confronto, il QI di Albert Einstein è stato stimato tra 160 e 180, ma molto più avanti nella sua vita.

I genitori di Lawson lo hanno iscritto all’organizzazione nazionale di intelligenza Mensa, collocandolo tra i membri più giovani del gruppo. Un QI di 130 è necessario per aderire a questa organizzazione.

“Circa il 21% del test di QI, non ha sbagliato nessuna delle domande, tanto che non avevano più domande da fargli”, ha spiegato Sara.

“Normalmente, quando si sbaglia un po’, passano a qualcos’altro, ma non hanno potuto passare a qualcos’altro finché non sono rimasti senza domande, cosa assolutamente non normale.

Gli hanno consigliato di ripetere il test tra qualche anno per avere un’idea più precisa del suo QI, poiché il test per i bambini più grandi ha un numero illimitato di domande.

È un percorso straordinario per qualsiasi bambino, ma particolarmente per un bambino prematuro nato con un rischio più elevato di ritardi cognitivi e disabilità.

“Ora è interessato anche alla moneta e pone domande come ‘Dove è il mio denaro?'”, racconta Sara ridendo.

Il talentuoso Lawson canalizza anche il suo lato creativo per “restituire” alla comunità. “Abbiamo parlato dell’importanza della carità”, ha dichiarato Sara.

“La Walk for Dimes ci ha aiutato molto quando Lawson e sua sorella gemella erano in terapia intensiva neonatale.

Oggi, Lawson ha preso un pennello e si è dato come missione di raccogliere fondi per l’organizzazione benefica.

Ha raccolto 525 dollari da amici della famiglia, che attualmente si offrono di inviare le dipinti del ragazzo –

che raffigurano le forme esatte degli Stati o dei paesi – a chiunque faccia una donazione sulla pagina di raccolta fondi della famiglia per la Walk for Dimes.

CONDIVIDI questa ispirante storia di prematuri con altri genitori sui social media…

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Un bambino prematuro diventa un prodigio a 3 anni, entrando a far parte di Mensa dopo aver risposto a tutte le domande
Non ha perso la sua elasticità: i paparazzi hanno sorpreso Cher, 76 anni, senza trucco e reggiseno