Il padre creativo fotoretocca le immagini del suo giovane figlio durante le sue incredibili attività, è così divertente

Il piccolo Ryan è nato prematuramente e ha trascorso le prime sei settimane della sua vita in terapia intensiva neonatale.

Ma non appena il bambino è stato portato a casa, suo padre Matt McMillan ha iniziato a fotografare il bambino. Il papà ha subito pensato di realizzare un progetto fotografico divertente.

L’uomo aveva già esperienza nella modifica delle foto.

Quando sua figlia era nata oltre due anni prima, aveva modificato tutta una serie di fotografie in cui lei era ritratta, mentre praticava vari sport diversi.

Il piccolo Ryan non è sfuggito al destino di essere un modello per un progetto Photoshop.

Così, l’idea è venuta a Matt di mostrare suo figlio, mentre faceva cose che non poteva fare a causa della sua età.

A causa di questa ispirazione, il bambino è apparso in una serie di fotografie in cui lo si vede pescare, su un tosaerba, con un rasoio, o tenere un’ascia, un coltello e una forchetta e persino pesi.

Le fotografie sono state realizzate in modo così convincente che alcuni utenti hanno pensato che il padre del bambino lo avesse davvero costretto a fare tutto ciò.

“Gli spiego che tutto il pericolo presente in queste fotografie è il risultato della mia immaginazione e di un abile montaggio”, ha spiegato Matt.

Ha dichiarato che sua moglie lo aiutava a realizzare il progetto. La madre teneva il bambino nelle pose necessarie per una foto specifica.

Lo faceva in modo che il bambino fosse tranquillo. Successivamente, il padre fotografava gli accessori necessari e poi, assemblando le immagini, realizzava le sue idee creative.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Il padre creativo fotoretocca le immagini del suo giovane figlio durante le sue incredibili attività, è così divertente
La nostra stessa voce ci sembra strana: la psicologia spiega perché non ci piace il suono della nostra voce