Una ragazzina giapponese dai capelli eccezionalmente folti diventa il volto pubblicitario di una famosa azienda

Una bambina giapponese è nata con i capelli folti, i quali hanno reso ricchi i suoi genitori.

Ha già il suo Instagram e quasi 400mila follower da tutto il mondo che lasciano commenti ammirati sotto i suoi post.

Ora, Chanco ha un anno e mezzo e il numero di fan fedeli sta crescendo velocemente come i suoi capelli.

Per la prima volta, questa meravigliosa bellezza ha attirato l’attenzione dei giornalisti all’età di 7 mesi.

Sua madre ha scommesso sugli splendidi capelli di sua figlia e non ha perso.

Ha aperto un account Instagram, dove ha pubblicato le foto della sua bambina con i capelli insoliti.

I giornalisti e rappresentanti delle agenzie pubblicitarie hanno attirato l’attenzione sul profilo della piccola ragazza giapponese.

A lei è stata offerta la collaborazione di importanti aziende internazionali per la produzione di prodotti per capelli.

E ora è diventata il nuovo volto di Pantene. La bambina di un anno e mezzo sta promuovendo il marchio popolare.

E la sua età non è diventata un ostacolo al successo. Si tratta del primo contratto firmato con un bambino nella storia dell’azienda.

I marketer del marchio hanno deciso una mossa insolita a causa dei capelli folti e lunghi della bimba, il suo principale orgoglio.

La felice madre, diventata milionaria, ammette di essere molto contenta della popolarità della ragazza.

“Non si può nemmeno immaginare come mi scaldino le recensioni ammirate”, scrive nel racconto di sua figlia.

I suoi genitori sperano che la bambina, a cui la natura stessa ha donato la bellezza, continui a seguire il sentiero stellato.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Una ragazzina giapponese dai capelli eccezionalmente folti diventa il volto pubblicitario di una famosa azienda
La temperatura dell’aria che scende fino a -71,2 °C: come vivono e resistono nel villaggio più freddo del mondo