La ragazza con i capelli più lunghi del mondo ha deciso di tagliarli per la prima volta in 12 anni: è entrata tre volte nel libro dei Guinness

Una ragazza indiana ha deciso che non si sarebbe mai tagliata i capelli. Era abbastanza decisiva da entrare nel Guinness dei primati.

Tuttavia, un giorno la bellezza ha deciso di cambiare pettinatura e tagliare i suoi lussuosi capelli di quasi due metri.

Nilanshi Patel vive nella città indiana di Modas. La ragazza ha 18 anni e le crescono capelli lussuosi da quando aveva 6 anni.

Non è sorprendente che all’età di 16 anni la bellezza fosse già la proprietaria dei capelli più lunghi. Perché Rapunzel dai capelli scuri ha deciso di tagliarsi i capelli lussuosi?

Durante i 12 anni in cui Nilanshi si è fatta crescere i capelli, è entrata tre volte nel libro dei Guinness.

Tuttavia, la ragazza si è resa conto di essere semplicemente stanca di prendersi cura dei suoi capelli, la cui lunghezza aveva raggiunto i 190 centimetri entro il 2020.

Certo, l’indiana Rapunzel era molto nervosa prima del taglio di capelli. Era la sua prima visita dal parrucchiere in 12 anni. Nonostante le sue preoccupazioni, tutto è andato bene.

Quando Nilanshi era una bambina, aveva chiesto a sua madre di portarla dal parrucchiere. Sfortunatamente, la ragazza non era stata fortunata.

Il maestro che le aveva fatto i capelli aveva commesso molti errori e quando aveva visto in cosa si erano trasformati i suoi capelli, era rimasta molto turbata.

Quindi il futuro detentore del record aveva deciso che non si sarebbe mai più tagliata i capelli ed ha mantenuto la sua promessa per molto tempo.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La ragazza con i capelli più lunghi del mondo ha deciso di tagliarli per la prima volta in 12 anni: è entrata tre volte nel libro dei Guinness
Un fiero gatto aggiunge un serpente velenoso vivo ai doni sotto l’albero genealogico: non è stato morso ed era orgoglioso di se stesso