Gli sconosciuti riportano un bambino di 5 anni che si è confuso sulla fermata dell’autobus il primo giorno di scuola

Il primo giorno di scuola materna può essere stressante per tutte le parti coinvolte.

Per i genitori, è il riconoscimento che il loro bambino sta crescendo, sta facendo un passo in avanti nella vita e sta entrando nel mondo reale.

Per i bambini, l’inizio della scuola materna può significare maggiore socializzazione, nuove sfide scolastiche

e persino responsabilità aggiuntive come ricordare i compiti e salire sull’autobus scolastico per tornare a casa alla fine della giornata.

Una madre e suo figlio hanno scoperto che molte cose possono accadere tra la scuola, l’autobus e il ritorno a casa in sicurezza.

“Eh bene, mio figlio non è qui”, ha detto la madre al conducente dell’autobus.

Nadine Penn ha mandato suo figlio di 5 anni, Corey, soprannominato CJ, al suo primo giorno di scuola materna a Katy, in Texas.

Ma nel pomeriggio, quando è tornata alla fermata dell’autobus per prenderlo, ha scoperto che suo figlio non era sull’autobus come avrebbe dovuto essere.

Nadine è salita sull’autobus e ha chiesto al conducente: “Permettete ai bambini della scuola materna di scendere dall’autobus senza un genitore?”.

Il conducente ha risposto: “Posso assicurarvi che non faccio così”. Nadine ha risposto: “Mio figlio non è qui”. Il conducente ha risposto con disinvoltura: “Lo stesso vale per tutti i bambini”.

Poi il conducente è partito senza cercare di chiamare nessuno o offrire ulteriore assistenza. Altri genitori della scuola di CJ erano anche alla ricerca dei loro figli.

Nadine si è precipitata alla scuola, dove ha sentito altri genitori alla ricerca dei loro figli.

“Li ho sentiti dire che diversi autobus dovevano tornare a scuola perché erano sovraffollati”, racconta Nadine.

Ha deciso di tornare alla fermata dell’autobus di CJ, sperando che sarebbe stato riportato al secondo giro. Ma CJ non si è ancora presentato.

Alle 16:30, più di un’ora dopo che era stato lasciato, l’insegnante di CJ ha chiamato Nadine per dirle che una famiglia l’aveva riportato a scuola.

CJ ha detto alla famiglia che si era perso. Sebbene la famiglia abbia impedito che accadesse qualcosa a CJ, lui stesso si è difeso molto bene.

Ha detto di essersi avvicinato alla macchina delle persone, che avevano abbassato il finestrino e aveva detto al papà: “Sono perso”, spiega Nadine.

Invece di raggiungere la giusta fermata dell’autobus, CJ è stato portato in un quartiere completamente diverso.

Avrebbe dovuto camminare per otto minuti e attraversare una strada principale per tornare a casa. CJ ha detto: “Mi sono perso nel secondo quartiere”.

La scuola ha rilasciato una dichiarazione ai media.

Da quando è sorta la confusione, Nadine ha affermato che la scuola non ha fornito alcuna spiegazione su come sia accaduto tutto ciò.

“Non ho risposte. Non so ancora qual è il motivo. Non ho ricevuto alcuna dichiarazione da loro. È frustrante”, ha detto Nadine.

La scuola ha rilasciato una dichiarazione. “La sicurezza dei nostri studenti è di massima importanza. Non appena siamo stati informati della situazione,

il distretto ha intrapreso rapidamente azioni, rimanendo costantemente in contatto con la famiglia e con l’azienda di autobus sotto contratto per il servizio.

Ciò include la revisione dei protocolli e delle aspettative con l’azienda per evitare futuri incidenti,

nonché la supervisione del personale del distretto delle uscite e dei ritiri degli autobus in loco oggi,

per garantire che tali aspettative siano rispettate e che tutti gli studenti si sentano a loro agio e al sicuro quando utilizzano i servizi degli autobus”, si legge nella dichiarazione.

Dopo che i media hanno contattato l’école, Nadine ha potuto parlare con il directeur adjoint. “Penso che non volessero ammettere ciò che era successo”, ha detto Nadine.

Nadine vorrebbe poter contattare la famiglia che ha aiutato suo figlio. Ha un messaggio per la famiglia che ha aiutato CJ, ma non ha alcun modo per contattarli.

“Vorrei davvero sapere chi è questa famiglia, in modo da poterli ringraziare, perché hanno davvero salvato la vita di mio figlio”, ha detto.

“Senza questa famiglia, forse non l’avrei mai più rivisto”, ha dichiarato Nadine.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Gli sconosciuti riportano un bambino di 5 anni che si è confuso sulla fermata dell’autobus il primo giorno di scuola
Non nella migliore forma: le foto recenti di Johnny Depp drasticamente invecchiato fanno discutere in tutto il web