L’intervallo di nascita gemellare più lungo: i gemelli Liana e Leoni sono venuti al mondo a 97 giorni di distanza

A prima vista, abbiamo a che fare con una normale foto di famiglia. I genitori tengono in braccio i soliti gemelli. In effetti, la foto è tutt’altro che ordinaria.

È diventato chiaro che la madre dei bambini ha avuto figli a 97 giorni di distanza in uno degli ospedali di Colonia. Questa è un’esperienza molto rara.

La cosa ancora più sorprendente è che Liana, la primogenita della famiglia, è nata nel 2018 mentre Leoni è venuto al mondo nel 2019.

Il 17 novembre 2018, la madre dei gemelli, Oksana, ha partorito prematuramente quando era incinta di 26 settimane. Per una felice coincidenza, la ragazza è stata salvata.

La piccola non riusciva a respirare da sola e ad alimentarsi da sola. Riceveva il suo cibo attraverso un tubo.

Quando è nata, è stata immediatamente trasportata nell’unità di terapia intensiva, appositamente progettata per i bambini prematuri.

In questo intervallo di tempo ci stavamo preparando alla nascita del secondo gemello. Invano! All’improvviso la cervice è chiusa e il serraggio si è fermato.

Il bambino non “voleva” uscire dal grembo materno. Infatti, 97 giorni dopo, il 22 febbraio 2019, Oksana è tornata in ospedale per far nascere il suo secondo figlio. Il bambino pesava 3700 g.

Come ha confidato il medico curante, Uwe Schellenberger, durante la sua esperienza professionale, aveva assistito a molti casi in cui i gemelli erano nati separatamente.

Ma il ritardo di 97 giorni è, in effetti, un record per tutta la medicina. I gemelli sono in corsa per essere inseriti nel “Guinness dei primati” con il titolo “Il più lungo intervallo di nascita dei gemelli”.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

L’intervallo di nascita gemellare più lungo: i gemelli Liana e Leoni sono venuti al mondo a 97 giorni di distanza
Gemelli siamesi separati nel 2017: come sono dopo cinque anni e come hanno imparato a camminare