La poliziotta allatta un bambino abbandonato perché il personale dell’ospedale è troppo impegnato con i propri affari

La donna nella foto è Celeste Ayala, una giovane madre e ufficiale.

Era in servizio in ospedale quando un bambino è stato portato lì in ambulanza con evidenti segni di stanchezza.

Il bambino era stato portato via dalla famiglia, dove era stato maltrattato e non vegliato. Il ragazzo piangeva, ma i medici in quel momento non erano all’altezza.

La stessa Celeste stava ancora allattando sua figlia, che non aveva ancora un anno. Durante il turno, la donna aveva appena accumulato il latte.

Lei, senza esitazione per molto tempo, ha dato da mangiare al bambino affamato di qualcun altro proprio nel corridoio dell’ospedale.

È improbabile che questa storia sia nota a molte persone.

Ma l’agente Marcos Heredia della polizia di Buenos Aires ha postato su Facebook una foto del suo collega in mezzo al corridoio di un ospedale.

Il post è diventato virale, oggi ha più di 112mila i like.

Tutti i media argentini hanno iniziato a scrivere sull’atto di Celeste. In un’intervista al quotidiano Cronica, ha descritto i suoi sentimenti quel giorno:

“Ho notato che il bambino aveva fame: si metteva i pugni in bocca. Ho chiesto di lasciarmi cullare e se poteva essere nutrito.

Era un momento molto triste. Il mio cuore si spezzava mentre lo guardavo. La società dovrebbe essere attenta a tali situazioni, dobbiamo fare in modo che ciò non accada”.

Per coincidenza, il 14 agosto, quando ciò è accaduto, le donne della polizia celebrano la loro vacanza professionale in Argentina.

Di conseguenza, la storia è arrivata al ministro della Sicurezza, che ha invitato Celeste a un ricevimento, ha annunciato gratitudine e promosso a sergente.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La poliziotta allatta un bambino abbandonato perché il personale dell’ospedale è troppo impegnato con i propri affari
La vedova di 90 anni non aveva nessuno a cui rivolgersi per chiedere aiuto, ma poi è apparso un “esercito di angeli”