La nostra stessa voce ci sembra strana: la psicologia spiega perché non ci piace il suono della nostra voce

Quando sentiamo la nostra voce, non la riconosciamo o ci sembra strana.

Perché accade ciò? Gli psicologi ci vengono in aiuto. Secondo gli specialisti, si tratta di un fenomeno motivato da fattori sia psicologici che fisiologici.

Quando parliamo, il nostro cervello percepisce i suoni della nostra voce in modo diverso rispetto a quando ne ascoltiamo la registrazione.

Quando parliamo, il tono arriva al cervello sia in modo esterno che interno.

Il modo esterno avviene attraverso la diffusione dell’aria e quello interno attraverso la risonanza delle ossa.

Anche se sono le nostre ossa a fare la differenza, il suono della nostra voce ci sembra strano perché qui entra in gioco la nostra psiche, causando una sensazione sgradevole.

Silke Paulmann, psicologa presso l’Università di Essex, ha spiegato che la voce di una persona può sembrarle più roca o più acuta. Ma non è tutto.

Potremmo non riconoscere la nostra voce.

Durante uno studio condotto nel 2013, gli esperti hanno registrato più volte la stessa frase pronunciata dalla stessa persona e poi hanno mescolato questi campioni vocali.

E nessun partecipante ha riconosciuto la propria voce. Inoltre, secondo ricerche psicologiche, la voce di una persona può anche disturbarla, poiché può rivelare aspetti della sua personalità.

Perché quando qualcuno parla, non percepisce le sfumature della propria voce che potrebbero essere, ad esempio, ansiose, irritate, indecise, ecc.

Quindi, una delle ragioni per cui non apprezziamo la nostra voce è che può mostrarci aspetti del nostro carattere che ci sono sconosciuti.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

La nostra stessa voce ci sembra strana: la psicologia spiega perché non ci piace il suono della nostra voce
Cosa è successo alla bellezza di 27 anni che ha sposato un miliardario di 89 anni: una storia molto interessante