I genitori del povero ragazzino l’hanno abbandonato dopo poche ore della sua nascita: guardatelo oggi

Per molti, la nascita di un bambino è un evento incredibilmente felice.

Tuttavia, ci sono momenti in cui la nascita di una creatura non porta gioia. Questo ragazzo di nome Jono non ne ha avuto fortuna.

È nato con la rarissima sindrome di “Treacher Collins”. Ciò significa che gli mancava un quinto cromosoma e non aveva le ossa facciali necessarie per dargli una forma naturale.

I genitori nell’ospedale di maternità hanno lasciato il bambino. Di ciò ha saputo una donna di nome Jean.

È stata incredibilmente gentile e ha fatto tutto il possibile per sostituire Jono sia padre che madre.

La donna ha fatto del suo meglio per instillare nel bambino i giusti valori e gli ha insegnato a non reagire agli insulti sul suo aspetto.

Sfortunatamente, da adolescente, ha preso la strada sbagliata e ha iniziato a bere.

È stato un periodo difficile per lui, con molte domande sulla vita, incluso il motivo per cui i suoi genitori biologici l’avevano lasciato.

Dopo che Jono ha superato la sua adolescenza, ha smesso di comportarsi fuori di testa e ha iniziato a cercare lavoro.

Lui spesso veniva negato a causa del suo aspetto.

Ma una volta, in un bar, gli è stato offerto un lavoro come barista. Le cose sono andate bene e dopo è andato a fare sport per molto tempo.

A causa del fatto che ha raggiunto il successo, è diventato un allenatore in un fitness club.

Molti visitatori hanno notato quanto fosse gentile e comprensivo, e in una delle lezioni Jono ha incontrato la sua futura moglie.

Da allora, la vita del ragazzo è completamente migliorata. E Jean, non si è pentita mai di aver adottato una persona così meravigliosa.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

I genitori del povero ragazzino l’hanno abbandonato dopo poche ore della sua nascita: guardatelo oggi
Una coppia sposata ha fatto ricorso a una madre surrogata per avere dei gemelli: un test del DNA un mese dopo ha rivelato l’impensabile