È semplicemente incredibile: un uomo disperso in mare è riuscito a sopravvivere sulla barca per 438 giorni

Gli eventi di questa storia sono iniziati il 17 novembre del 2012.

Il pescatore messicano José Alvarenga, 36 anni, ha pagato 50 dollari a un giovane di nome Cordoba, 22 anni, perché lo portasse a pescare al largo delle coste messicane sulla sua barca.

Ma gli uomini sono stati colti da una tempesta e si sono ritrovati in mezzo all’oceano. Hanno dovuto mangiare pesce, uccelli, bere sangue di tartaruga e persino urina.

Ma Cordoba non è riuscito a sopportare tali privazioni e, avendo problemi di salute, ha perso la vita poco dopo.

Secondo José, per non rimanere solo, ha conservato il corpo del suo amico per sei giorni, ma poi l’ha gettato in mare.

Il pescatore ha lottato per la sua vita con tutte le sue forze.

Ha raccontato che durante i numerosi mesi alla deriva ha dovuto mangiare pesce e uccelli che catturava a mani nude.


José Alvarenga è rimasto in mare per 438 giorni e non ha sofferto molto. La distanza percorsa da Alvarenga può raggiungere i 10.800 chilometri.

Il suo viaggio è iniziato il 17 novembre del 2012 al largo del Messico e si è concluso il 30 gennaio del 2014 su uno degli atolli delle Isole Marshall, dove è stato scoperto dagli abitanti locali.

Esami medici hanno mostrato che il corpo del “viaggiatore” non aveva subito ferite gravi.

Poco dopo, Alvarenga si è ripreso in buona salute e felice. Molto probabilmente, José Alvarenga è riuscito a sopravvivere grazie al suo ottimismo.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

È semplicemente incredibile: un uomo disperso in mare è riuscito a sopravvivere sulla barca per 438 giorni
Robbie Hills è una nonna insolita con un bicipite di 43 centimetri: ha due figlie e tre nipoti