Quel brutto gatto non deve vivere con noi in casa mia, i miei bambini hanno paura di questo animale

La donna ha deciso di portare il suo gatto al rifugio e ha richiesto che venisse preso via, spiegando la sua scelta sostenendo che l’animale fosse poco attraente e spaventasse i bambini con il suo aspetto.

Il gatto chiaramente mostrava segni di un’infezione agli occhi, il cui origine rimaneva sconosciuta. La ragione per cui l’animale suscitava tanta paura nelle persone rimaneva un enigma.

Secondo la proprietaria, l’infezione agli occhi si era manifestata all’improvviso e senza apparente motivo.

La donna si comportava in maniera aggressiva, alzando la voce nei confronti degli operatori del rifugio quando le chiedevano perché non avesse curato il gatto anziché liberarsene.

Pur non mostrando interesse nel prendersi cura del gatto, la donna suggeriva ai volontari del rifugio di essere grati che avesse deciso di portarlo lì anziché richiedere l’eutanasia immediata.

Da quel momento, il gatto, chiamato Candy, ha vissuto nel rifugio. Nonostante l’infezione agli occhi, Candy si dimostrava affettuoso e desideroso di attenzioni umane.

Nonostante l’aspetto compromesso dall’infezione, il gatto è presto diventato il favorito di tutti nel rifugio.

Gli adulti hanno scelto Candy per insegnare ai bambini il significato della responsabilità verso gli animali.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Quel brutto gatto non deve vivere con noi in casa mia, i miei bambini hanno paura di questo animale
Due anni fa pesava solo 64 libbre, ma un semplice cioccolato l’ha aiutata a curare la sua anoressia