Un bambino di sei anni è stato costretto a pranzare dietro un paravento perché è arrivato con un minuto di ritardo

Il piccolo Hunter Cmelo arrivava a scuola, a volte leggermente in ritardo. Ma non era sempre colpa sua.

Sua madre, Nicole Garloff, soffriva di osteoporosi, che rendeva difficile il suo movimento, soprattutto al mattino, e la sua macchina, che era già vecchia, talvolta si rompeva.

Quel giorno, il bambino di prima elementare è arrivato con un minuto di ritardo. È entrato a scuola spaventato, pensando che l’insegnante lo avrebbe punito.

Per sostenere suo figlio, la madre ha deciso di andarlo a trovare durante la pausa.

Quando Nicole è entrata nella mensa della Lincoln Elementary School, è rimasta stupita nel vedere suo figlio di sei anni seduto isolato dagli altri studenti dietro un paravento.

La madre ha notato che Hunter non stava mangiando e i suoi occhi erano umidi. Era pubblicamente umiliato.

Questa punizione sembrava troppo severa, considerando che il bambino aveva solo sei anni e raramente arrivava in ritardo.

La donna ha scattato una foto a suo figlio e l’ha condivisa su Facebook. Questo ha scatenato una vera indignazione nella comunità locale.

Anche la nonna del bambino ha pubblicato le foto su Facebook e il post ha ottenuto oltre 75.000 condivisioni. La nonna ha commentato la sua pubblicazione:

“Questo è mio nipote Hunter, uno studente di prima elementare. A volte la macchina di sua madre non parte subito e Hunter arriva un po’ in ritardo.”

Poi la nonna ha spiegato come l’insegnante aveva punito duramente il piccolo studente.

Alla fine, la pagina Facebook della scuola è stata invasa dalle critiche rivolte alla direzione della scuola.

Quando questa storia è diventata virale, gli abitanti della città di Grants Pass hanno voluto aiutare il bambino e hanno deciso di riparare l’auto di sua madre.

Tuttavia, il servizio auto di Kelly ha annunciato che l’auto era irriparabile. Così, il concessionario auto si è unito agli abitanti della comunità per regalare una macchina alla famiglia Cmelo.

Diverse aziende hanno partecipato a questo atto di beneficenza. La famiglia del piccolo Hunter ha ricevuto le chiavi di una Chrysler.

“Sono molto commosso nel vedere la comunità unirsi in questo modo e sapere quanti persone meravigliose vivono nella nostra città”, ha dichiarato Marc, il padre del piccolo Hunter.

Vota l'articolo
Aggiungi commenti

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

Un bambino di sei anni è stato costretto a pranzare dietro un paravento perché è arrivato con un minuto di ritardo
La coppia è rimasta stupita dopo la nascita dei loro piccoli: quel momento è stato semplicemente meraviglioso